Patate alla bretone


Settembre è mese di inizio delle scuole e università, mese in cui anche chi in agosto se l'è presa piu comoda o ha fatto ferie, inizia a lavorare sodo di nuovo. Quindi mese in cui non si ha piu' tempo per preparare pietanze che richiedono lunghe preparazioni. Anche per me non è diverso, e quindi oggi vi scrivo una ricetta veloce veloce ma che a me piace tantissimo.

Ho mangiato le patate fatte in questo modo per la prima volta a 33 anni (cioè 15 anni fa) ad un mercato bretone a Glastonbury, Inghilterra (l'antica Avalon). In quel periodo mangiavo molto poco, soprattutto in viaggio, e avevo un sacco di fame. Questo e il fatto che erano fatte con ingredienti di alta qualità mi ha fatto innamorare per sempre di questa pietanza. Perchè venga bene bisogna prendere delle patate biologiche a pasta soda di buona qualità e fresche. I pomodori possono essere di qualsiasi tipo ma viene meglio e anche piu' bella con i pomodorini (così era fatta l'originale a Glastonbury). Io nella foto l'ho fatta con i pomodori normali perchè avevo quelli in casa.

Non si tratta di un piatto completo, lo diventa se accompagnato da qualche altra pietanza semplice, ad esempio fagiolini.


INGREDIENTI:

Patate piccole a pasta gialla soda

pomodorini

olive verdi

sale

erbe aromatiche, se possibile fresche, come rosmarino, santoreggia o erbe di provenza.


SVOLGIMENTO:

bollire le patate, anche in anticipo ad esempio il mattino o il giorno prima

pelare le patate e metterle in padella con abbondante olio di oliva e sale

rosolare le patate finchè fanno la crosticina

aggiungere i pomodori, le olive e le erbe, saltare ancora fino a cottura desiderata, servire subito.


Buon appetito, e ricordate che anche se avete poco tempo, il tempo in cui si mangia è sacro.

Il pasto va sempre consumato da seduti senza mai o quasi mai alzarsi, prima dei pasti è bene fare una pausa respiro di qualche minuto per rilassarsi dallo stress della cucina, e dopo i pasti rimanere ancora almeno una decina di minuti (meglio mezz'ora) seduti per digerire. Durante il pasto non si parla di cose importanti, anzi è meglio non parlare affatto ma concentrarsi sul cibo. In questo modo si assimila molto meglio e i buoni nutrienti non vanno sprecati.


Spero di avere il tempo di pubblicare un'altra ricetta presto! ;)


Vi invito comunque a leggere anche le altre pagine del mio sito, ci sono molte informazioni che aggiorno periodicamente, scommetto che ognuna di voi se si prende il tempo di andare a vedere trova qualcosa di molto interessante per sè!


29 Ansichten0 Kommentare

Aktuelle Beiträge

Alle ansehen

La colazione sana

Torta di zucca

Greenspirit Naturheilkunde

Silvia Vianello, Naturärztin, an der Akademie für Naturheilkunde (ANHK) 2011 diplomiert

Krankenkassenanerkannt (mit Zusatzversicherung für Komplementärmedizin)

Praxisadresse:

Via al Ticino 15, 6514 Sementina TI

mail: silvia.vianello@gmx.net

 

Tel. 076 6967849

Greenspirit, Earth Spirit Events KLG 

aktualisiert Juni 2020

ee2c25ce7c-Facebook-128.png